Cookie Consent by PrivacyPolicies.com
In Naples Today.com


In Naples Today.com



Mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta a Palazzo Fondi, Napoli

La Mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta in corso a Castel Nuovo di Napoli: gli artisti e le opere, i periodi e gli orari, le informazioni per la visita.

Acquisto biglietti mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta - Palazzo Fondi Napoli

Mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta Napoli
Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta - Palazzo Fondi, Via Medina, 24 - Napoli

Mostra in corso dal 11 settembre al 9 gennaio 2022

A Palazzo Fondi arriva la mostra evento che ha già registrato un enorme successo in altre città italiane: una mostra multimediale che prende in esame, attraverso proiezioni in diversi monitor, la vita e le opere del maestro, con la visione in video di molti dipinti e disegni realizzati nel corso della sua esistenza.

Acquisto biglietti mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta - Palazzo Fondi Napoli

Comunicato stampa della Mostra Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta

Una mostra ‘impossibile’, capace di riprodurre digitalmente tutta la forza provocativa di Vincent van Gogh e la sua arte che lo rende il genio che conosciamo.

Da Torino a Parma lo straordinario successo di "Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta" la grande mostra sulla vita e sulle opere del pittore più amato di tutti i tempi.

La location d’eccezione è il Palazzo Fondi, un edificio storico, trasformato in uno spazio per eventi, un luogo contemporaneo che si trova su via Medina, a due passi da Piazza del Municipio e dal Maschio Angioino. Palazzo Fondi rappresenta uno speciale contenitore per un’esposizione di grande levatura che coniuga storia e arte in una cornice unica.

La scelta di presentare l’arte tramite l’utilizzo di tecnologie multimediali avanzate permette di amplificarne la forza comunicativa, impiegando contemporaneamente diversi canali trasmissivi quali quello visivo delle immagini, uditivo dei suoni e della musica, sensoriale degli oggetti e degli ambienti ricostruiti. Attraverso la mutuazione dei vari linguaggi il visitatore è immerso in un percorso avvolgente, traportato in un viaggio virtuale alla scoperta del pittore, dell’artista, dell’uomo: Vincent van Gogh.

La mostra multimediale rappresentata in bilingue italiano ed inglese prende in esame, attraverso proiezioni in diversi monitor, la vita e le opere del maestro, con la visione in video di molti dipinti e disegni realizzati nel corso della sua esistenza, completata con informazioni dei periodi artistici vissuti da van Gogh negli ultimi 10 anni della sua vita.

DESCRIZIONE AREE TEMATICHE DELLA MOSTRA

• LA VITA - Prima parte - The life a
• LA VITA - Seconda parte - The life b
• PRIMI DIPINTI (1881-83) - EARLIEST PAINTINGS (1881-83)
• NUENEN (1883-86)
• PARIS (1886-88)
• ARLES (1888-89)
• SAINT-RÉMY (1889-90)
• AUVERS-SUR-OISE (1890)
• FIORI - FLOWERS
• LETTERE - LETTERS
• ACQUARELLI - WATERCOLOURS
• GRAFICA - GRAPHIC WORKS
• DISEGNI - DRAWINGS
• RITRATTI - PORTRAITS a
• RITRATTI - PORTRAITS b
• GIRASOLI - SUNFLOWERS
• LA FAMIGLIA ROULIN - THE ROULIN FAMILY
• AUTORITRATTI - SELF-PORTRAITS a
• AUTORITRATTI - SELF-PORTRAITS b

Una full immersion tra la musica ed i fantastici colori di Vincent van Gogh è quella che propone la mostra multimediale “Van Gogh Multimedia e la Stanza Segreta”, un percorso che, tra schermi e totem, consente di approfondire la straordinaria attività creativa di quello che è universalmente riconosciuto come il maggiore artista di tutti i tempi, dall’esistenza travagliata e votata alla ricerca della bellezza espressa con dense pennellate che sprigionano pura emozione.

L'esposizione fa rivivere la vita e le opere del grande maestro olandese in chiave diversa, attraverso immagini e percorsi multimediali in grado di catalizzare l'attenzione dei visitatori che rimangono incantati dalla performance visiva delle opere d’arte di Vincent van Gogh.

Il percorso consente inoltre di ammirare la ricostruzione della “Camera da letto” di Vincent van Gogh, dipinto del 1889, tema caro all’artista e più volte replicato con piccole varianti. In sostanza si tratta della ricostruzione della camera da letto di Vincent nella «casa gialla» di Arles, dove l'artista si era rifugiato con la speranza di insediarvi un atelier di pittori avanguardisti.

LA STANZA DI ARLES

L’ambiente che ricostruisce il noto dipinto omonimo lascia straniti e affascina al contempo. Il visitatore della mostra si aspetti di sentire la voce dell’artista rimasta per lungo tempo inascoltata, in una narrazione fluida e intensa che suscita emozioni e profondo coinvolgimento. La sensibilità di Vincent esplode come uomo innamorato della libertà, dell’arte e dell’amore. Il lavoro di elaborazione è stato supportato da ricerche scrupolose, svolte dall’autrice con profondo coinvolgimento anche nei luoghi di Vincent, nei quali si è recata personalmente in un lungo viaggio spazio-temporale ma soprattutto dell’anima.

Nella seconda parte, del tutto nuova e originale, intitolata “Vincent: il lavoro dell’anima”, legrandi proiezioni di opere selezionate, associate ad una voce narrante che scandisce partedelle lettere di Vincent al fratello Theo, accompagnano il visitatore attraverso percorsi di approfondimento delle grandi opere, ma soprattutto della sua personalità estremamente sensibile, amante della coerenza, risoluta e determinata nel seguire solamente la propria legge interiore che scaturisce dall’umanità insita in ogni individuo.

Vincent van Gogh, pittore amatissimo dal grande pubblico, ha segnato nel cammino artistico dell’umanità una svolta decisiva verso la rilevanza del colore, l’estrapolazione della natura insita nella realtà, l’importanza della materialità della pennellata nell’insieme dell’opera d’arte.

Tuttavia l’innamoramento di chi si accosta alle sue opere avviene verso l’uomo Vincent che è celato dietro al vortice avvolgente di una miriade di tonalità, dentro le espressioni dei suoi personaggi di cui riusciamo a scandagliare l’anima, in orizzonti sconfinati su distese erbose e campi di grano dorato.

In questo spazio espositivo verranno proiettati delle immagini ad alta risoluzione con l’impiego di 23 videoproiettori Sony VPL- PWZ10 / 5.000 lumens WXGA laser light source projector ad alta definizione con una luminosità tale da far perdere la percezione del reale allo spettatore e farlo immergere all’interno dell’opera, conducendolo con immagini, suoni e parole, in un itinerario di accostamento alla profonda umanità dell’artista, attraverso lo sviluppo di alcuni temi nodali come quadri animati, paesaggi e autoritratti.

IO VINCENT – Raccolta di autoritratti nei quali l’artista non rappresenta solo il suo aspetto esteriore ma soprattutto il suo sentire, gli stati d’animo, le sofferenze e le gioie della vita;

IL LAVORO DELL’UOMO – Percorso attraverso i luoghi del lavoro contadino e artigiano che tanto hanno affascinato l’artista, sentendosi vicino alla fatica e all’impegno di lavoranti e gente umile nei quali è insita una profonda umanità;

LO SPECCHIO DELL’ESSERE – Il ritratto è lo strumento privilegiato che Vincent utilizza per scoprire la personalità e l’essenza più intima dei suoi modelli, con la ferma intenzione di rendere visibile agli altri l’anima delle persone;

LA FIORITURA DELLA VITA – I fiori sono i soggetti delle nature morte che maggiormente affascinano il pittore, con le svariate possibilità di mescolanza dei colori, di accostamento di tinte e riflessi, al fine di mettere a nudo quella che è la natura delle cose, che si mostrano a noi attraverso la risultanza di fasci di luce dello spettro visivo che l’artista analizza a fondo;

IL RIFLESSO DELLA NATURA – Viaggio attraverso le campagne olandesi e francesi, dove Vincent trova spesso pace e rifugio dalle turbolenze della vita che lo trascinano a volte in vortici insidiosi e pericolosi. I luoghi della sua quiete interiore;

INFLUSSI ONIRICI ORIENTALI – L’uomo Vincent sente una forte attrazione per l’universo orientale che lo affascina per il senso di pace onirica e di possibilità di viaggio non solo fisico ma soprattutto mentale. Opere che richiamano l’arte orientale;

IL BUIO DELL’ANIMA – La vita di Vincent non è stata così generosa come invece lo è stata la morte, per tale ragione lui cerca di scoprire e di raffigurare la sofferenza sua e degli altri, che sente accomunati a sé in una vicinanza dei sentimenti;

I LUOGHI DI VINCENT – Lo straordinario viaggio espositivo conduce il pubblico attraverso i luoghi reali dell’artista, raffigurati poi nelle sueopere, in un raffronto al limite dell’impossibile tra realtà e sogno;

I COLORI DEL TRAMONTO E DELLA NOTTE – La notte è il momento che affascina maggiormente van Gogh, dove il buio avvolge ogni cosa oscurando la potenza del sole ma permettendo alle timide stelle di splendere nella potenza di tutta la loro bellezza.

LA STANZA SEGRETA

Nella Stanza Segreta di Vincent van Gogh ci sono i suoi amici, ci sono le opere ideate e realizzate da chi lo ha conosciuto, da chi ha fatto evolvere il suo modo di fare arte dando tonalità al suo disegno, facendo sì che i colori prevalessero sulla forma.

Nella Stanza si trovano esposte le opere di Paul Cézanne, Paul Gauguin, Émile Bernard, Henri de ToulouseLautrec e Fernand Cormon istallate in maniera che l’osservatore possa entrare dentro il quadro stesso e in modo che possa sentire così la trama della tela, i tocchi di colori posati con la spatola, la composizione ricercata, studiata, dove l’apparente caos ha dato luogo a quel cosmo fantastico e immaginifico che ha reso Vincent van Gogh eterno e vivo nella storia di ognuno di noi.

Informazioni utili per la visita

Orari: da lunedì a venerdi dalle 9.30 alle 20.30. Sabato e domenica e festivi dalle 9.30 alle 21.00 (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura).
Biglietti: intero weekend e festivi € 14; intero feriali € 12; ridotto speciale (over 65, universitari, convenzioni, ragazzi fino a 14 anni) € 10. Biglietto Open € 16. Scuole € 5.
Sito web: Palazzo Fondi

In Naples Today è aggiornato ogni giorno

© In Naples Today
Tutti i diritti riservati